Bumble, come funziona. La mia guida completa

Come funziona Bumble

In questo articolo ti spiego cos’è l’app di dating Bumble e come funziona.

Bumble è un’applicazione per cellulare, quindi è disponibile sia per Android che IOs ma può essere usata egregiamente anche da pc desktop. E’ un’app nata a fine 2014 ad opera di Whitney Wolfe, precedentemente vicepresidente del marketing per Tinder.

Piccola curiosità: la Wolfe ha citato in giudizio la sua ex azienda per discriminazioni sessuali e molestie e ottenuto un risarcimento di poco più di un milione di dollari statunitensi che ha poi usato per finanziare Bumble.

I primi step dell’iscrizione sono molto semplici, puoi registrarti tramite Facebook oppure puoi inserire i tuoi dati generici unitamente al tuo numero di cellulare.
L’app funziona utilizzando la tua posizione, infatti è proprio grazie a questa che puoi individuare le persone nelle tue vicinanze.

È possibile aggiungere molte personalizzazioni all’interno del tuo account, oltre a poter inserire le tue foto infatti, puoi inserire i tuoi artisti preferiti collegando direttamente il tuo account Spotify.

Quando ti iscrivi ti viene chiesto se vuoi utilizzare l’app in modalità date (per trovare nuovi partner) bff (per trovare nuovi amici) o bizz (per trovare collegamenti lavorativi)

Come funziona Bumble? Modalità di utilizzo

E’ disponibile anche una sezione sicurezza e benessere dove il supporto di Bumble ti viene in aiuto in caso di problemi psicologici.

Puoi permettere che la tua foto migliore venga scelta dall’intelligenza artificiale come su Tinder e, a differenza di Tinder, puoi selezionare tantissimi interessi per rendere il tuo profilo interessante (a proposito, hai già dato un occhiata al mio servizio per ottimizzare il tuo profilo dating?), puoi scegliere la tua frase per “rompere il ghiaccio”, puoi selezionare e completare delle frasi che ti rappresentano, in questo modo le persone che le leggono possano utilizzarle per conoscerti meglio e per farti qualche domanda di approfondimento più specifica.

Sempre sulle informazioni puoi impostare il tuo lavoro e la tua formazione.

I filtri di Bumble

I filtri di bumble sono molto immediati. Puoi selezionare cosa cerchi (uomini, donne o entrambi), scegliere il range di età del profilo che ti interessa trovare, inoltre puoi mettere la spunta se estendere la ricerca fino a un paio di anni in avanti o indietro nel caso dovessero terminare i profili disponibili; è anche possibile scegliere il range di distanza massimo in cui effettuare la ricerca, (fino a 161 km) e puoi anche impostare l’opzione di mostrare persone più lontane nel caso terminassero i profili utili.

LEGGI ANCHE  Come posso chiedere ad una donna di fare solo sesso?

Puoi addirittura inserire le lingue che gradiresti fosse in grado di parlare il tuo partner e impostare degli ulteriori filtri avanzati.
In modalità gratuita ne puoi impostare un paio, in modalità premium invece si possono aggiungere molti più filtri.

Bumble Premium

L’offerta di Bumble a pagamento si divide in Bumble Boost e Bumble Premium.
E’ possibile accedere a Bumble boost tramite i Bumble Coins, che sono una valuta creata ad hoc dagli sviluppatori di Bumble.

Bumble Boost ti dà questi benefit:

  • Dietrofront
  • Possibilità di estendere i collegamenti attuali per darsi più tempo
  • Possibilità di votare i profili senza restrizioni
  • Un Riflettore alla settimana
  • Cinque SuperSwipe alla settimana

I Riflettori e i SuperSwipe scadono e si rinnovano ogni settimana, non dimenticarti di utilizzarli!

La modalità Premium di Bumble invece include:

    • Filtri avanzati illimitati
    • Accesso alla sezione “A chi piaci?” per vedere su chi hai fatto colpo
    • Modalità Travel (non disponibile su Bumble Web)
    • Dietrofront
    • Possibilità di estendere i collegamenti per darsi più tempo
    • Ricollegamento ai collegamenti scaduti
    • Possibilità di votare i profili senza restrizioni
    • Un Riflettore alla settimana
    • Cinque SuperSwipe alla settimana
    • Modalità Incognito (non disponibile su Bumble Web)

    I Riflettori e i SuperSwipe scadono e si rinnovano ogni settimana, i crediti per Riflettori e per i SuperSwipe non sono inclusi negli abbonamenti giornalieri a Bumble Boost/Premium.

    I 5 super swipe alla settimana sono pochi secondo me, in ogni caso puoi abbonarti a Bumble Premium cliccando sul quadrato pixellato presente nella lista dei collegamenti.

    Bumble, la mia recensione

    Bumble è un’app di dating nata promettendo una rivoluzione, infatti in questa app è proprio la donna a dover fare il fatidico primo passo.

    [Attenzione Spoiler] per me ci sono solo pro nel dare alle donne la prima mossa e fra poco ti spiegherò perché.

    Bumble in italia non è ancora molto diffuso, questo è sicuramente uno dei pochi contro che ha questa app al momento.

    La donna ha 24 ore di tempo a partire da un match per scrivere al ragazzo che le interessa; da quel momento in poi il profilo passa sulle conversazioni. Una volta contattato dalla donna, l’uomo ha a sua volta 24 ore di tempo per rispondere, altrimenti il match è vano.
    Dal momento in cui l’uomo ha risposto si azzera il timer e quindi le chat possono essere riprese quando ti pare.
    Altra feature interessante è il gioco delle domande, molto utile per avere spunti di conversazione.

    Dal momento in cui è la donna a dover scrivere per prima, deve metterci lei un po’ di impegno e questo significa che, psicologicamente, ha già creato nella sua testa un’azione dove investe e quindi è più propensa a farlo con persone che già pensa che le interessino.

  • Tecnicamente quindi una donna che ti “matcha” e inizia a chattare su Bumble è molto più propensa a ricercare una connessione, molto più rispetto a Tinder o altre app dove l’uomo deve fare tutto.

    L’unica cosa che non mi piace per nulla è che, quando sono terminati i profili che corrispondono ai filtri di ricerca impostati, l’app ti comunica in stile Warner Bros “That’s all Folks” ossia “questo è tutto, amici”, non ci sono più profili, quindi occorre reimpostare i filtri e ricominciare daccapo.

    Conclusioni

    Bumble è davvero molto interessante, il principio su cui crea le connessioni ha delle grosse potenzialità. Certo, se abitate in un piccolo paesino della Sardegna non è l’app che vi consiglierei di usare, in quel caso sarebbe meglio usare Tinder che ha parecchi più utenti.
    Concordo con il fatto che sia inutile vedere persone che vivono a 3-4 mila chilometri di distanza, come propone Tinder quando non ha più nessuno da mostrarti, però dal punto di vista psicologico quando una persona cerca qualcosa all’interno di un’app, fargli avere il messaggio che la ricerca è arrivata al termine non è affatto appagante.
    In ogni caso, al netto dei possibili miglioramenti, ti consiglio di provarla, ne vale la pena.

    Ti è piaciuto l’articolo?
    Non dimenticare di iscriverti al mio gruppo facebook Vero Uomo e al mio canale Youtube, dove metto a disposizione quotidianamente tanti contenuti che ti aiuteranno ad affrontare e superare i tuoi problemi relazionali.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SU:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.