Come piacere alle donne: 3 cose che devi assolutamente sapere

Ti chiedi spesso come piacere alle donne, o conosci persone che hanno successo con le donne e ti stai chiedendo quale sia il loro segreto?

Leggi questo articolo e ti renderò le idee più chiare.

Una delle domande più ricorrenti che mi vengono fatte è: come faccio a piacere alle donne?

Rispondo qui, per iscritto una volta per tutte [e TI FACCIO UNO SPOILER]:

non devi essere necessariamente bello e ricco come molti credono.

Immaginare che bellezza e ricchezza possano donare una felicità relazionale è da stupidi con la S maiuscola.

Ne parlo molto bene in questo video, dove spiego che, sì, è chiaro che essere belli e ricchi possa aiutare ad attirare donne a sé, ma la domanda da farsi è:

che tipo di donne?

L’UOMO BELLO E RICCO PIACE ALLE DONNE

L’uomo bello e ricco piace alle donne, lo sento ripetere spesso, sia in consulenza che sul gruppo. La domanda che nasce spontanea in questo casi è:

Ma tu davvero vuoi una donna che si “innamora” di te perché hai il conto a sette cifre?

E se poi domani perdi tutto, come la mettiamo? L’amore finisce?

Ti immagini fare l’amore con una donna che non ti ama, o che ti ama solo dietro compenso indiretto, e che recita quando viene a letto con te? Come ti sembra la scena nella quale lei se ne va dicendoti “ho trovato uno che vale più di te!” e se ne va col tuo broker? Oppure ti dice “mio padre mi ha lasciato 300k, non ho più bisogno di te, ciao!”? Queste cose sono accadute a due miei clienti, quelli che avevano deciso di sedurre puntando sul loro portafogli. A uno dei miei clienti, addirittura, una donna non si è fatta scrupoli nel richiedere uno stipendio per rimanere la sua ragazza. E lui gliel’ha dato. 1400 €.

Vuoi sapere com’è finita?

A un certo punto lei l’ha ghostato e, quando è riuscito a parlarle dopo diverse settimane, gli ha detto che aveva trovato un altro che abitava più vicino e la pagava di più. Bello, no?

La vuoi davvero la donna che di “innamora” di te perché sei bellino e muscoloso?

E se poi domani fai un incidente e rimani in carrozzina? O se ti trovano una malattia neurologica degenerativa? Queste cose succedono, di situazioni così ne ho sentite purtroppo svariate.

Sì, qualcuno è riuscito a beneficiare della scelta delle crocerossine. Non mi metto a parlare ora della disfunzionalità delle relazioni basate sul supporto fisico e psicologico a un individuo malato o inabile.

Ti basti pensare che esistono donne che si legano sul fisico e sulla bellezza e che sono prontissime al level up successivo non appena ne hanno l’occasione. “Daniela, la mia ragazza ha detto che non sono più attraente secondo i suoi gusti, ma io sono rimasto esteticamente uguale, mi continuo a tenere in forma da diversi anni” mi ha detto un giorno un mio cliente.

L’ho seguito per qualche settimana, per aiutarlo a gestire al meglio il ritorno alla singletudine. Alla fine abbiamo scoperto che la sua ex aveva deciso di divertirsi con ragazzi più giovani e più performanti.

Insomma, il concetto è che, sì, se vuoi puoi scegliere di costruire una relazione sulle fondamenta del denaro e della bellezza, ma ha poco senso, poi, lamentarsi quando la donna opportunista sceglie di continuare a fare l’opportunista e a mettersi col miglior offerente.

E’ come se ti comprassi una tigre e poi ti stupissi quando ti mangia il giardiniere 😉

LEGGI ANCHE  Non siete Brutti, siete solo Sfigati! Ma c'è una buona notizia... pt. 1/2

COME FACCIO A PIACERE ALLE DONNE?

Ci sono cose che le donne amano. Ma quali sono?

Tolte quelle che danno priorità ai soldi, al bel faccino e ai muscoli, cosa rimane?

Come piacere alle donne? Image by senivpetro on Freepik
Rimangono moltissime donne che danno priorità ad altri valori, personali e spesso anche un po’ banali, ma che poco o nulla hanno a che fare con cose superficiali.

Badate bene che io non sto negando che le donne guardino anche gli aspetti sopra elencati. E’ logico che una donna possa preferire un uomo che sia anche bello e anche ricco.

Il problema sussiste quando questi diventano valori fondanti.

COSA SONO I VALORI FONDANTI? Semplice, sono quelle due o tre cose che per te sono dei valori e alle quali non vuoi rinunciare all’interno del tuo rapporto di coppia. I valori fondanti non possono essere troppi, quindi al massimo tre, altrimenti diventa impossibile realizzarli tutti.

Lo scopo è quello di tracciare dei margini ben definiti entro i quali muoverti, senza perdere tempo con le persone che non sono compatibili coi tuoi valori di base.

Se fossimo tutti illuminati o sulla via dell’illuminazione, ovviamente, non avremmo bisogno di stabilire dei confini sani con l’opera impositiva della ragione. Scegliere due o tre valori fondanti serve a guidarci nella scelta consapevole delle persone con le quali investire.

I valori si scelgono sulla base delle proprie inclinazioni, sulla base di ciò che si ritiene davvero importante all’interno della coppia affinché la coppia continui ad esistere. E, soprattutto, i valori fondanti non devono essere giudicati, né da noi stessi, né dobbiamo permettere che gli altri li giudichino.

Se ad esempio un uomo dovesse dire che, affinché la sua relazione duri, uno dei valori fondanti che deve avere la sua partner è quello di saper fare una buona lasagna, o di avere una quinta di seno, o di stare con una donna dominante che lo frusti, nessuno dovrebbe permettersi di giudicarlo.

COSA VUOLE UNA DONNA DA UN UOMO?

Girando tra i vari forum, gruppi Facebook, seguendo sondaggi in lungo e in largo nel web, facendo svariate ricerche, in Italia e anche all’estero, i valori fondanti delle donne, ovvero quello che le donne vogliono in un uomo, risultano essere ben lontani dal denaro e dai muscoli.

Le donne sono esseri complessi, ma hanno bisogni abbastanza semplici e scontati:

  • protezione;
  • affetto e amore;
  • problem solving;
  • comprensione;
  • ascolto;
  • sincerità;
  • supporto emotivo e pratico;
  • presenza e condivisione;
  • leggerezza e divertimento;

 

In altre parole, le donne vogliono uomini in grado di mettersi al loro livello, di essere trattate in modo equo, di uomini in grado di mantenere viva la relazione anche a livello romantico ma soprattutto di una persona in grado di comunicare.

3 COSE CHE DEVI SAPERE PER PIACERE ALLE DONNE

1. DIVERTIMENTO, MINDSET POSITIVO E SUPPORTO EMOTIVO

Le donne sono troppo spesso concentrate sulla ricerca e soluzione dei problemi. Il mindset educativo femminile le porta a concentrarsi su quello che non va e come risolverlo.

Nella società occidentale questa propensione si è nel tempo cronicizzata, diventando quasi una malattia:

le donne occidentali passano le giornate corrucciate, cercando di scovare cose da correggere, da modificare, da educare, da migliorare, finendo spesso per raggiungere livelli di ansia e stress inimmaginabili.

Compito dell’uomo, che in questo è tendenzialmente diverso (a meno che non abbia una propensione femminile analoga), è quello di aiutare la donna a:

  • vedere il bello nelle cose;
  • staccare e non pensare;
  • divertirsi;
  • pensare positivo;

Un uomo che riesce a donare a una donna delle emanazioni positive, che la aiuti ad essere fiduciosa, serena, divertita, è un uomo che si è guadagnato un bel pezzo di cuore di costei.

Ogni giorno, invece, ascolto, leggo e noto persone che hanno come priorità quella di lamentarsi, trovare problemi, aggravare problemi, crearne laddove non ce ne sono.

Domanda: se usassi tutte le energie che spendi per dare attenzione ai problemi, riversandole sul creare quello che ti piace nella vita, non pensi che ne beneficeresti tu in primis, e tutte le donne e persone che conosci a seguire?

2. FIDUCIA, SINCERITA’, COMPRENSIONE, ASCOLTO E CONDIVISIONE

COMPRENSIONE E ASCOLTO

Le donne, come spiega sempre John Gray, risolvono i loro problemi parlando. Mentre l’uomo tende a chiudersi nella caverna, a ritirarsi in isolamento finché non si sente meglio, la donna desidera parlare, parlare, parlare, parlare… parlare.

Sì, se vuoi essere un uomo ben apprezzato da una donna, devi saperla ascoltare, capire, e soprattutto devi dimostrare di farlo perché ti interessa davvero di lei e di quello che dice, non solo perché l’hai letto nell’articolo di Daniela 😉

FIDUCIA E SINCERITA’

Non instaurare una relazione sulla menzogna, perché se lo fai hai già perso in partenza.

Le donne hanno il sesto senso femminile, ovvero riescono a percepire dei piccolissimi segnali del non verbale, del paraverbale e del verbale, che le aiutano a comprendere quasi subito quando si trovano di fronte a un uomo che mente.

Anche quando non te lo dicono, il più delle volte lo sanno se stai mentendo. Se scelgono di far finta di crederti, è per qualche strano motivo fra i seguenti:

  • non ne sono del tutto certe e vogliono aspettare di avere delle prove (che stanno già cercando);
  • non vogliono iniziare una discussione o farti innervosire perché in quel momento servi loro calmo e disponibile;
  • stanno facendo di peggio e quindi si sentono sollevate delle loro colpe;
  • meditano di fare di peggio per vendetta;

In tutti questi casi, quello che ci rimette alla fine sei sempre tu.

CONDIVISIONE (SOLO SE C’E’ COMUNIONE DI INTENTI)

Come sai, le donne amano condividere e condividersi. In altre parole, che forse non ti piaceranno tantissimo (specie se stai con una donna con la quale avete poco in comune), le donne vogliono che facciate le cose insieme!

3. PROTEZIONE, PROBLEM SOLVING, STRUTTURA, CAPACITA’ E SUPPORTO PRATICO

PROBLEM SOLVING, CAPACITA’ E SUPPORTO PRATICO

Le donne solitamente faticano di più rispetto agli uomini ad essere efficienti in questioni pratiche e nella soluzione pragmatica dei problemi.

Sicuramente nel XXI° secolo le cose stanno via via migliorando, ma di base la donna rimane un essere che, per natura, non è stata creata per dirigere, risolvere problemi in modo pratico ed immediato. Le donne che, al momento, risultano essere in grado di ricoprire ruoli dirigenziali e che dimostrino capacità nella soluzione immediata e pratica dei problemi, esistono ma sono una minoranza.

Anche quando la donna è perfettamente in grado di risolvere problemi da sola e di condurre efficacemente ruoli dirigenziali, porta comunque il peso di queste azioni in quanto le percepisce come gravose, non essendo lei nata, strutturata e abituata, per svolgere questi compiti.

E’ per questo che, tendenzialmente, una donna ha piacere a lasciare questi compiti impegnativi agli uomini, qualora ovviamente fossero in grado di fare un buon lavoro. Punto fondamentale da sottolineare.

Se un uomo, infatti, si proponesse di aggiustare le ante dell’armadio, ad esempio, e non ne fosse in grado e si trovasse malauguratamente ad avere a che fare con una donna più pratica di lui nei lavori manuali, farebbe una figura peggiore rispetto al non essersi mai proposto.

Per questo, se desiderate essere degli uomini in grado di curarsi della vostra compagna anche da un punto di vista del supporto pratico, dovete puntare sull’essere in grado di destreggiarvi nei lavori fai-da-te, o per lo meno è il caso che vi accompagnate con donne molto meno pratiche di voialtri.

Non è comunque indispensabile che siate in grado di aggiustare cose; se siete in grado di far funzionare bene il cervello, se riuscite a capire il problema e a valutare la soluzione più efficiente ed efficace, avete comunque un ottimo valore aggiunto rispetto alla media.

Se non siete bravi nel problem solving e nei lavori manuali, è comunque sufficiente, per avere la stima della vostra amata, che siate davvero bravi in qualcosa.

Nel mio corso COME RISULTARE ATTRAENTE AGLI OCCHI DI UNA DONNA spiego in modo approfondito quali siano tutte le cose che puoi implementare, partendo dal tuo naturale potenziale, per risultare attraente e guadagnare stima agli occhi di una donna.

STRUTTURA E PROTEZIONE

Non è indispensabile girare con spada e scudo (anche se sarebbe oggettivamente preferibile 😉 ), ma è opportuno che, in un modo o in un altro, un uomo sappia far sentire la propria donna protetta e solida.

Per far sentire una donna protetta è sufficiente che ci sia almeno uno dei seguenti requisiti (se ce n’è più di uno, tanto meglio, ma uno solo è comunque sufficiente):

  • prestanza fisica, quindi capacità di fronteggiare un eventuale pericolo fisico;
    nb: non c’entrano necessariamente i muscoli e/o la stazza: Bruce Lee era alto 172 cm e pesava neanche 60kg… per dire!
  • elasticità mentale, quindi capacità di problem solving, cultura, intelligenza al fine di saper gestire ogni situazione nel migliore dei modi;
  • consapevolezza, quindi conoscenza di sé, pace interiore, capacità di non dipendere emotivamente dall’esterno, qualità introspettive, esoteriche e spirituali.

Ognuna di queste qualità aiutano un uomo a risultare, per sé stesso e per la propria partner, un punto di riferimento. Qualità che le donne ricercano sempre nel proprio partner.

Ti è piaciuto l’articolo?
Non dimenticare di iscriverti al mio gruppo facebook Vero Uomo e al mio canale Youtube, dove metto a disposizione quotidianamente tanti contenuti che ti aiuteranno ad affrontare e superare i tuoi problemi relazionali.

CONDIVIDI L’ARTICOLO SU:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.